giovedì 21 maggio 2009

Particolarità e stranezze


Lunedì mattina sono andato all'ospedale di Ancona per farmi vedere un piccolissimo problema che ho su un occhio. Entrando nell'ingresso principale noto un distributore "particolare" che attira subito la mia attenzione. Non un distributore di merendine, lattine, caffè o simili. Un distributore di FIORI. Si, di MAZZI DI FIORI. Proprio come questo modello giapponese qui a fianco.
Anche nel mio caso 3 "modelli" di composizioni floreali, per rispettivi 8, 15 e 24 €.
In fondo non c'è nulla di male, cioè dico... uno va a trovare una persona cara che sta ricoverata e sicuramente un mazzo di fiori le farà piacere! Quello che mi ha fatto strano è stato vedere quei 3 piatti tutti bei illuminati che giravano per mostrare i vari modelli... la scritta sul distributore "Fiori freschi!" e quelnonsocosa di surreale.
Ripeto, in fondo cosa c'è di male? Apparentemente nulla. Anche se in quel momento percepivo una strana sensazione, molto strana.
Chi sono i clienti di questo distributore? Persone che hanno poco tempo e molti impegni da conciliare... che non fanno in tempo a comprare dei fiori (mi viene quasi da dire: "dei fiori veri") in una normale fioraia. - Maledetta società sempre di fretta. - Oppure persone che non ci avevano pensato e arrivate lì, si convincono poi a prendere questi mazzi.
Si potrebbe dire che questo distributore è un bel servizio tutto sommato, uno per fare pausa si può prendere un caffè, un altro presentatosi lì senza nulla in mano acqusita sto mazzo di fiori per portare qualcosa a un malato.
Da un punto di vista strettamente razionale non si trovano "obiezioni" a questo distributore.
Rimane il fatto che quel distributore mi fa strano.