venerdì 30 aprile 2010

Into the wild


Negli ultimi mesi ho letto vari libri tra cui anche “Nelle terre estreme” di Jon Krakauer. Libro fantastico che ripercorre la vita di Christopher Johnson McCandless dalla quale è stata tratta il famosissimo film "Into the wild".
Chris, o meglio Alex (dato che in quel momento si faceva chiamare Alexander Supertramp) parla del suo progetto di andare in Alaska con Wayne Westerberg.
Ecco un estratto della conversazione...
Alex: Magari quando torno scrivo un libro sui miei viaggi
Wayne: perchè no?!
A: che ne so...tipo "Uscire da questa società malata"! Dalla società!
W: La società!
A: La società amico!
W: La società!
A: La società, la società!!
W: La società!
A: La società! Certo la società! Perchè, cioè, sai cosa non capisco? Io non capisco perchè le persone, perchè ogni cazzo di persona è così cattiva col suo prossimo, così spesso cazzo. Non hanno senso per me i giudizi, il controllo tutto. L'intera gamma è una cosa...
W: Di quali persone stiamo parlando?
A: Lo sai i genitori, gli ipocriti, i politici, i corrotti.
W: Questo è uno sbaglio, è uno sbaglio andare troppo a fondo in queste faccende. Alex tu sei giovane cazzo, sei giovane: un ragazzo. Ma io ti posso dire questo: sei giovane cazzo! Non puoi stare lì a bollire di rabbia tutto il tempo! Devi cercare di stare tranquillo.

7 commenti:

Francesca ha detto...

É bellissimo... quello che dice, che fa... sconfinare oltre la realtá delle cose, liberarsi dagli schemi, dalle imposizioni, dalla societá. La societá cazzo! ... per ritrovare ... sé stessi.

Matteo ha detto...

Ho appena finito di vedere il film...e sono entrato nel web alla ricerca di informazioni su "alex",ed eccomi qui a scrivere...
La storia, e soprattutto la figura di questo ragazzo mi hanno fatto entrare in un turbine emozionale! una frase mi ha colpito tra tutte, che penso racchiuda l'intera morale del film, "la felicità è vera se condivisa con qualcuno".
All'incirca era scritta così, comunque il significato racchiude una VERITA' ASSOLUTA...

Fabri ha detto...

dici bene: turbine emozionale! Esatto, la frase era proprio quella.
In particolare l'originale è: "happiness is real only when shared".
Un film (ma anche un libro) che consiglio a tutti quanti!!!

francesca ha detto...

ogni volta che guardo questo film rimango come scioccata!
e` incredibile,meraviglioso..ma ogni aggettivo e` sprecato,perche` colpisce l`anima!

Anonimo ha detto...

Mah, io ho trovato abbastanza stupido il personaggio. é morto stupidamente per delle idee confuse. Posso anche essere d'accordo con i suoi abbozzi di pensiero, ma la sua morte stupida contraddice la sua proclamata volontà di meglio vivere.

Clementine Kruczynski ha detto...

Anonimo, la sua morte non c'entra nulla. E' avvenuta per un errore che se pur piccolo gli è stato letale. Non voleva morire,la sua morte non contraddice proprio un cazzo!

Anonimo ha detto...

@ Anonimo. Quindi le migliaia e migliaia di persone che muoiono ogni anno perchè fumano o si drogano sono stati meno stupidi di Alex? Ma fammi il piacere! LUI è riuscito a realizzare davvero i propri sogno e fino all'ultimo istante della sua morte è rimasto con il sorriso in faccia sapendo che non poteva chiedere di più al mondo dopo le avventure che aveva passato..tutti fanno errori e preferirei andarmene come ha fatto lui piuttosto che vivere 100 anni ma come un vegetale come te!

Posta un commento

Non è necessario essere registrati per lasciare commenti! Basta selezionare Nome/URL e scrivere il proprio nome.